Comunicato stampa

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Il Consiglio Direttivo di Retinopera, riunitosi a Roma

nei giorni scorsi, riprende e

sottolinea le parole della prolusione del cardinale Gualtiero Bassetti, presidente della
Conferenza episcopale italiana, volte ad individuare il filo comune che lega le “priorità
irrinunciabili per il Paese”: “il lavoro, i giovani, la famiglia e le migrazioni”. In modo
particolare evidenzia il suo invito a fronteggiare una “cultura della paura e il riemergere
drammatico della xenofobia”, mettendo sempre al centro i quattro verbi che Papa
Francesco ha donato alla Chiesa per affrontare la grande sfida delle migrazioni:
accogliere, proteggere, promuovere e integrare.
Nello stesso tempo, opponendosi a pregiudizi, rigidità ideologiche e forme di
disinformazione, il consiglio direttivo di Retinopera chiede alle forze politiche e
istituzionali di operare nella direzione dell’approvazione della normativa sullo ius
culturae consapevole che non si tratta di una concessione, ma del riconoscimento della
cittadinanza, fatta di diritti e di doveri, a chi, nuovo italiano e nuovo europeo, vive già la
realtà dell’appartenenza alla nostra comunità civile. È in tal modo che si potrà favorire
“la promozione della persona umana e la partecipazione alla vita pubblica di quegli
uomini e donne che sono nati in Italia, che parlano la nostra lingua e assumono la nostra
memoria storica, con i valori che porta con sé”.

Articolo Agensir

2 ottobre 2017 @ 18:30