10 motivi per essere Retinopera

 


👉Clicca questo link se non visualizzi bene l’immagine
👉Clicca per visualizzare la versione pdf dei 10 motivi

10 MOTIVI PER ESSERE “RETINOPERA”

“Fare rete non è fare somma. E’ collegialità e comunione …”

(Card. Gualtiero Bassetti – Presidente CEI)

Dieci motivi per essere Retinopera. Stiamo vivendo un momento nuovo con conseguenze difficili da
affrontare sia nelle quotidianità che nelle prospettive. In un periodo di forte consapevolezza che
siamo sulla stessa barca, che è importante unire le forze la realtà di Retinopera costituita nel 2002
acquista ancor più senso e validità per ciascuno dei movimenti che lo compongono e per il loro
insieme. L’esplicitazione dei 10 motivi è un esercizio concreto per manifestare le ragioni di fare
sistema, del progetto culturale condiviso, del voler costruire collegialità e comunione.

1. Perché RETINOPERA è fondata su valori cristiani per un mondo più giusto,
integrato, democratico e sostenibile. Rappresenta un sistema di relazioni e di
appartenenze, a carattere nazionale, tra realtà cattoliche, per condividere
l’impegno e le prospettive della Dottrina Sociale della Chiesa.
2. Perché RETINOPERA è una proposta/opportunità, di crescita comunitaria. Può
darci la consapevolezza che associazioni da sole possono raggiungere buoni
risultati, ma insieme si può pensare a qualcosa di più grande e completo: non
l’individualità ma la “collegialità e la comunione”.
3. Perché RETINOPERA attraverso il confronto e la condivisione tra i soci
contribuisce a far nascere nuove idee e prospettive, è di fatto pure un’opportunità
per conoscere ed individuare con le altre realtà aggregate temi di comune
interesse, contribuendo alla realizzazione di un progetto culturale comune.
4. Perché RETINOPERA invita a partecipare alla vita del mondo ecclesiale e sociale
ed è un luogo in cui leggere realtà ed interpretarla alla luce della dottrina
sociale della Chiesa, cogliendo i segni dei tempi e riflettendo sul futuro per
costruire scenari di senso, all’interno dei quali declinare le scelte d’impegno ed
alleanze strategiche.
5. Perché RETINOPERA è dialogo aperto tra provenienze, esperienze, storie diverse
che si aprono al confronto. Un dialogo sociale che diventa segno evidente di un
cammino comune che affonda le proprie radici nella testimonianza cristiana e di
servizio all’uomo.
6. Perché RETINOPERA esprime una dimensione sociale dell’evangelizzazione in
cui la dignità della persona e il Bene Comune sono valori comuni ritenuti al di sopra
di ogni interesse particolare. Valori che vanno perseguiti, promossi, difesi, realizzati
in ogni circostanza e in ogni contesto.

7. Perché RETINOPERA incarna e testimonia la Chiesa in uscita attraverso l’opera
quotidiana delle proprie organizzazioni aderenti. Un’azione costante, spesso lenta
ma determinata e responsabile rivolta a creare le condizioni per lo sviluppo
dell’uomo e della società, a partire dagli ultimi. In modo particolare riteniamo che
l’attenzione ai poveri e alle fragilità in genere sia il cuore del messaggio evangelico,
facendo nostra l’espressione di Papa Francesco nell’“ASCOLTARE IL GRIDO DEL
POVERO E DEL CREATO”
8. Perché RETINOPERA attraverso il confronto tra tutte le sigle ad essa appartenenti
e con, tutti gli uomini di buona volontà, raccoglie le sfide che la società pone
costantemente dinanzi all’uomo e alla società, avendo cura di sottolineare non le
differenze ma i punti d’intesa che uniscono. Ciascuno poi con le proprie capacità e
le proprie peculiarità contribuisce al cambiamento in maniera libera, creativa,
innovativa e condivisa, nel rispetto di principi, valori e linguaggi comuni.
9. Perché RETINOPERA intende essere un luogo generativo. Processi nuovi e di
cambiamento sono analizzati privilegiando in ogni circostanza e in ogni occasione il
metodo del Dialogo e del Confronto che vanno sempre ricercati con il massimo
impegno, nella convinzione che generare processi a vantaggio soprattutto delle nuove
generazioni, sempre senza disparità di genere, sia più importante che privilegiare spazi di
potere o di autoaffermazione

10. Perché RETINOPERA, nello scegliere di essere comunione nelle differenze,
ritiene indispensabile costruire quell’amicizia sociale tra le organizzazioni che la
compongono e con tutto l’Associazionismo e la società civile, di varia natura e di
diversa estrazione, che anima il dibattito sociale e politico, come stile e
testimonianza di rispetto, stima e fiducia reciproca propri dei più alti valori cristiani
contenuti nei principi di Responsabilità, Sussidiarietà, Solidarietà e
Partecipazione della Dottrina Sociale della Chiesa e che vanno sempre affermati e
ribaditi, seppur con forme e linguaggi adatti al tempo, anche quando i contesti
contemporanei sembrano andare da tutt’altra parte.

Ottobre 2020

I firmatari della RETE: ACI Azione Cattolica Italiana – ACLI Associazioni Cristiane Lavoratori Italiani – AGESCI
Associazione Guide e Scout Cattolici Italiani – AIDU ASSOCIAZIONE ITALIANA DOCENTI UNIVERSITARI –
C.d.O. Compagnia dello Opere – CIF Centro Italiano Femminile – Comunità di Sant’Egidio –
CONFCOOPERATIVE – COLDIRETTI – Comunità Papa Giovanni XXIII – CSI Centro Sportivo Italiano – CTG
Centro Turistico Giovanile – CVX Comunità di Vita Cristiana – FOCSIV Volontari nel mondo – FONDAZIONE G.
TONIOLO – F.U.C.I. Federazione Universitaria Cattolica Italiana – ICRA International Catholic Rural Association
MASCI Movimento Adulto Scout Cattolico Italiano – MCL Movimento Cristiano Lavoratori – MOVIMENTO DEI
FOCOLARI Opera di Maria – MRC Movimento Rinascita Cristiana – RNS Rinnovamento nello Spirito Santo –
UNEBA Unione Nazionale Istituzioni ed Ass.za Sociale.